Utilizzo dei cookie

Daimler usa i cookie per poter configurare in modo ottimale e migliorare costantemente le sue pagine web. Continuando ad utilizzare il sito web fornisci il tuo consenso all’utilizzo dei cookie.

Per ulteriori informazioni si rimanda alle avvertenze sui cookie.
Sistemi BRT <br>Mercedes-Benz.
Bus Rapid Transit (BRT)

Sistemi BRT
Mercedes-Benz.

Il primo sistema BRT è nato negli anni '70 in America Latina, dove la rapida crescita della popolazione urbana ha comportato grandi problemi di traffico. La domanda elevata di mobilità e le condizioni finanziarie delle città richiedevano una soluzione innovativa. Ciò ha portato alla nascita di un nuovo sistema di trasporto a basso costo, ormai riconosciuto a livello internazionale, che offre la mobilità a tutte le fasce sociali. IL successo ottenuto dalla soluzione BRT ha contribuito alla diffusione mondiale di questi sistemi; ad ora sono in uso a livello globale oltre 160 sistemi di veicoli e molti altri in fase di costruzione o di pianificazione. Gli autobus Mercedes-Benz, dai maxi-autobus snodati fino ai minibus navetta, vengono utilizzati con successo nei sistemi BRT in tutto il globo. Grazie anche all'esperienza della Casa in fatto di manutenzione e fornitura di ricambi, come pure a soluzioni di finanziamento su misura, gli autobus Mercedes-Benz contribuiscono al successo delle reti BRT.

Nell'ultimo decennio, in Francia sono stati implementati numerosi sistemi BRT, tra i quali la linea G di Strasburgo rappresenta un modello esemplare. La variante francese del sistema BRT, concepita su misura per le esigenze delle città europee, si chiama “Bus a haute niveau de service” (BHNS). Tra gli esperti di pianificazione dei trasporti urbani, Strasburgo è nota per la riuscita reintroduzione della metropolitana nel 1994. Quasi vent'anni dopo, le autorità municipali si sono messe alla ricerca della migliore soluzione possibile per collegare la zona nord-ovest della città alla stazione centrale e hanno studiato, oltre all'ampliamento della rete metropolitana, anche l'ipotesi dell'introduzione di un sistema BHNS.

Dopo aver verificato la fattibilità economica, discusso del tema con i politici e svolto uno studio sul prolungamento di una linea della metropolitana, si è deciso a favore dell'introduzione di un sistema BHNS. Dopo meno di un anno di lavori, il 30 novembre 2013 la linea è entrata in funzione. Oltre ad essersi concentrati sulla pianificazione di una corsia preferenziale ottimizzata, nonché su fermate e autobus moderni, ampio spazio è stato dedicato all'integrazione nella rete di trasporti già esistente. Questo è stato possibile tra l'altro attraverso un sistema di biglietti integrato, un sistema dinamico di informazioni ai passeggeri e la conseguente integrazione di sistemi P+R (Park and Ride) e B+R (Bike and Ride) lungo il tracciato.

Altri esempi di successo nell'implementazione dei sistemi BRT europei si trovano tra l'altro a Nantes (Francia), Saint Nazaire (Francia), Granada (Spagna) e Amsterdam (Olanda).

Il sistema BRT “Metrobüs” adottato a Istanbul, in Turchia, ha risolto con successo i problemi del traffico di una città che si estende su due continenti. La forte crescita della popolazione, la posizione sul Bosforo e una forte crescita delle immatricolazioni di auto costituiscono le particolari sfide che il Metrobüs, come sistema di trasporto avveniristico e sostenibile, ha dovuto affrontare. La particolarità del sistema Metrobüs consiste in una velocità media estremamente elevata dovuta al fatto che la linea si snoda lungo un'autostrada urbana, una fitta frequenza di corse e gli alti standard di comfort. I 250 autobus CapaCity Mercedes-Benz oltre ai 360 Citaro e Conecto Mercedes-Benz rappresentano un fattore chiave per la riuscita del sistema il cui successo ha portato a numerosi prolungamenti della linea.

Nel 2014 Rio de Janeiro ha ospitato il Campionato Mondiale di Calcio FIFA e nel 2016, con i Giochi Olimpici, sarà nuovamente protagonista di un altro importante evento sportivo. Queste grandi occasioni, per le città, rappresentano una notevole sfida, soprattutto per quanto concerne il traffico: oltre a fare fronte all'incremento della domanda nel corso della manifestazione, i mezzi di trasporto devono essere in grado di soddisfare anche le esigenze della popolazione locale una volta che si sarà concluso l'evento. Di conseguenza la maggioranza delle città designate ad ospitare il Campionato Mondiale di Calcio 2014 ha scelto una soluzione flessibile e conveniente: l'introduzione dei sistemi BRT. L'intero sistema BRT progettato a Rio de Janeiro comprende diverse linee per una lunghezza complessiva di 157 km. Il primo corridoio BRT battezzato Transoeste e lungo 60 km è stato aperto nel 2012, giusto in tempo per il fischio d'inizio dei Mondiali. Il sistema è stato concepito per una capacità di trasporto elevata, adeguando di conseguenza sia le fermate che gli autobus, con la scelta di autosnodati a pianale elevato extra-lunghi. Il sistema si basa, oltre che sulle normali linee, su linee Express che non effettuano soste a tutte le fermate. Nell'intero sistema BRT di Rio de Janeiro transitano 101 autobus da 23 m, 161 autobus da 18 m e 26 autobus da 12 m impiegati in servizio navetta; tutti ovviamente Mercedes-Benz.