In caso di pericolo.
Intouro

In caso di pericolo.

Quando si prospetta un pericolo, il conducente deve reagire non solo in modo tempestivo ma anche con precisione. I sensori dell'ESP®* riconoscono in anticipo le situazioni critiche, come un forte comportamento sovrasterzante o sottosterzante, movimenti improvvisi dello sterzo, frenate da panico e di emergenza. Un'ulteriore sicurezza è garantita dal controllo della pressione pneumatici*.

In caso di pericolo incombente, la corretta reazione dell'autista è tanto importante quanto l'equipaggiamento tecnico di cui è dotato il veicolo. La formazione ideale per gli autisti è fornita dai Corsi di guida sicura OMNIplus che, fra l'altro, mettono in primo piano la conoscenza pratica del comportamento del veicolo nelle situazioni a rischio.

Il cuore della sicurezza negli autobus da turismo ed extraurbani, da novembre 2015, è costituito dal sistema frenante di emergenza obbligatorio nell'UE denominato Advanced Emergency Braking System, in breve AEBS.

Attraverso un sistema radar, il sistema di assistenza alla frenata di emergenza AEBS rileva sia i veicoli che precedono che quelli fermi, calcolando continuamente la differenza di velocità rispetto al proprio veicolo. Se l'attività dell'autista non subisce variazioni e si prospetta un'inevitabile collisione, l'autista viene inizialmente avvisato e il veicolo avvia automaticamente una frenata parziale. Se il conducente non reagisce, rischiando una collisione imminente, il veicolo interviene automaticamente con una frenata a fondo. In questo modo è possibile ridurre drasticamente le conseguenze dell'eventuale impatto.

Con l'ausilio di un sistema di telecamere dietro il parabrezza, il sistema antisbandamento (SPA) riconosce quando il veicolo rischia di uscire di strada. L'SPA controlla costantemente la distanza dell'autobus dalle linee della segnaletica orizzontale della carreggiata. Non appena il veicolo oltrepassa le linee di demarcazione, il conducente viene avvisato attraverso una pulsazione sul lato interessato del sedile dell'autista. L'SPA entra in funzione a partire da una velocità di 70 km/h e si disattiva azionando l'indicatore di direzione, ad esempio per iniziare un cambio di corsia volontario.

L'Electronic Stability Program (ESP®) è un sistema attivo concepito per incrementare la sicurezza e la stabilità di marcia, che contribuisce a ridurre sensibilmente il pericolo di sbandamento nella marcia in curva o nelle manovre di scarto brusche. A tale scopo, nelle situazioni critiche per la dinamica di marcia, le forze frenanti inviate a ogni singola ruota vengono dosate in modo mirato, ad esempio quando l'autobus raggiunge una soglia limite di movimento in curva. Contemporaneamente la potenza del motore viene ridotta. Il possibile “sbandamento” dell'autobus viene così impedito attraverso interventi frenanti accuratamente dosati, sempre entro i limiti consentiti dalle leggi fisiche.

L'ESP® monitora fra l'altro l'accelerazione trasversale degli autobus. Nelle curve particolarmente lunghe, come le rampe di uscita autostradali, o in caso di rapidi cambi di corsia, se l'autobus viene a trovarsi in una condizione di marcia critica, la velocità del veicolo viene automaticamente ridotta fino al completo ripristino della stabilità di marcia. L'ESP® è assimilabile al sistema utilizzato nelle autovetture, offre tuttavia una serie di funzioni ampliate e specifiche per l'impiego sugli autobus.

In caso di pericolo incombente, la corretta reazione dell'autista è tanto importante quanto l'equipaggiamento tecnico di cui è dotato il veicolo. La formazione ideale per gli autisti è fornita dai Corsi di guida sicura OMNIplus che, fra l'altro, mettono in primo piano la conoscenza pratica del comportamento del veicolo nelle situazioni a rischio.

*Equipaggiamento a richiesta